Atene: cosa vedere nella capitale greca

Il mio viaggio ad Atene, accompagnato a sto giro da una cara amica, risale a quasi due anni fa, verso metà aprile, e consta di 3 giorni pieni nella capitale, escludendo il volo A/R ryanair da Bergamo.P1030701

Troviamo un buon clima, piena primavera, e fortunatamente becchiamo giornate buone, senza pioggia. Per me erano le prime ferie con Jessica, ci siamo divertiti molto, camminando praticamente tutto il giorno..ma tra una cazzata, un selfie e un gyro.. il tempo passa e non te ne accorgi! 🙂

Una bella e importante città, ricca di storia e fascino per quello che rappresenta, ovvero il cuore dell’arte e della filosofia, patria di personaggi come Platone e Socrate. Passeggiando per la città si respira proprio aria di antichità, grandezza e….pita gyros! 😀 ovvero i panini (o piatti) tipici, simili al kebab, di cui ci siamo abbuffati in questi giorni. Oltre ai gyros, ricordo con piacere i souvlaki, ovvero carne grigliata servita dentro la pita, la feta e lo yogurt greco. Vi assicuro che non ci siamo risparmiati sul magnà 😛P1030665

Sapete cosa mi ha davvero colpito di Atene?

I cani randagi sparsi per la città. Ne abbiam visto uno…due…tre…cinquanta!!!! Ne è colma la città. Poi, informandoci un secondo su internet, abbiamo scoperto che praticamente sono considerati “cittadini” a tutti gli effetti. Se ne occupano sia le associazioni di volontariato che singoli amanti degli animali. Mi ha colpito molto questa cosa inaspettata: la città ha mostrato un grande senso di civiltà e rispetto.P1030612

La città mi è piaciuta, è viva ed economica, consiglio di visitarla una volta nella vita. La si visita bene, a piedi, e anche la metro è comodissima. Giri per le vie del centro consapevole che, se alzi lo sguardo al cielo, non puoi fare a meno di restare di stucco davanti ai templi dell’Antica Grecia. Un aspetto invece che non ci è piaciuto è quello che l’Acropoli, ovvero il simbolo della città, purtroppo è mal tenuta, mal conservata, piuttosto sporca: sigarette spente, carta, pezzi di plastica. Dovrebbe essere custodita con più cura e amore, è pur sempre un luogo unico.

Cosa vedere?

  • L’Acropoli chiaramente, che si eleva sopra la città e domina la valle circostante. E’ il più grande complesso architettonico che ci ha lasciato la civiltà greca. Sito UNESCO, una volta entrati si riconosce subito la magnificenza dell’Antica Grecia. Ospita diversi monumenti: il Partenone, il Tempio di Atena Nike, l’Anfiteatro di Dionisio, l’antico Tempio di Atena, e tanti altri. Il biglietto costa sui 12 € e comprende anche la visita all’Agorà, al Foro Romano e al Tempio di Zeus.P1030758
    P1030722
    Teatro di Erode

     

  • il Partenone. E’ il monumento principale dell’Acropoli ateniese. E’ un tempio dedicato alla dea Atena, circondato da un colonnato di ordine dorico.P1030757
  • l’Agorà, ovvero il cuore commerciale e culturale dell’antica civiltà. Ad oggi è uno spazio molto verde occupato da rovine e da qualche monumento, come il Foro Romano e il Tempio di Efesto. L’area sorge ai piedi dell’Acropoli, offrendo una bella vista su di essa.
  • Monastiraki è un distretto di Atene celebre per il suo mercato dell’antiquariato che si svolge nel weekend. Se si è in cerca di prodotti tipici o artigianali, questa zona con i suoi vicoletti è il posto giusto.
  • La Plaka è il più antico quartiere cittadino, e una delle zone più caratteristiche e colorate grazie ai suoi palazzi, le chiese, i negozi di souvenir, i bar e le stradine con le scalinate. E’ chiamato “il quartiere degli Dei”, poichè si trova appena sotto la roccia dell’Acropoli che sovrasta la città.
  • Anafiotika, un pittoresco spazio racchiuso tra Plaka e le rocce dell’Acropoli. E’ interessante una visita, c’è poco traffico e ci si sente distanti dalla metropoli. Ci sta una passeggiata tranquilla, e un bicchiere di Ouzo (lo stiamo bevendo nella seconda foto che ho messo)… davvero imbevibile! 😀
    P1030781
    Acropoli dal basso

     

  • Syntagma è la piazza principale di Atene. E’ molto carina, sia di giorno che di notte tutta illuminata. Al centro la fontana, poi una scalinata e sullo sfondo il Palazzo Reale. Qui abbiamo assistito al Cambio della Guardia Presidenziale, un rito molto particolare con la marcia degli Evzoni davanti alla Tomba del Milite Ignoto.P1030609P1030619
    P1030879
    selfie pre-ritorno in Italia – P.za Syntagma

     

  • il Licabetto, ovvero una collina alta 280m che domina la città. L’abbiamo raggiunta tramite la funicolare, in serata. C’è una bella panoramica sulla città, purtroppo ho foto di una qualità ancora peggiore di queste, quindi vi lascio solo immaginare la città e l’Acropoli illuminate.
  • Una visita a Capo Sounion. Percorrendo la costa con il pullman, si arriva qui a circa 70km di distanza da Atene. E’ un luogo sacro, dedicato alle sue due somme divinità, Poseidone e Atena. Ai tempi dell’Antica Grecia, per un cittadino vedere questo monumento significava o il tanto atteso ritorno a casa o l’arrivederci, addirittura addio, alla sua Atene. Credo che una tappa qui sia da fare!P1030815

 

Conclusioni: trovarsi lì, in una città del genere, finora letta solo sui libri di scuola, è stato molto gradevole, un viaggio che ricordo con piacere grazie anche alla presenza di Jessica 🙂

8 thoughts on “Atene: cosa vedere nella capitale greca”

  1. Non sono stata ad Atene ma vorrei andarci ? Per la pulizia credo che il problema sia anche il mancato rispetto dei turisti per un luogo prezioso come l’Acropoli. Non tollero queste cose

  2. Anche io ci sono stata, a Capodanno, tra il 2008 e il 2009 🙂 a me è piaciuta! Concordo sulla trascuratezza di alcuni posti..ma è una città piena di fascino, come tutte le città del Sud Europa. Quel misto di antico, decadente e glorioso.

  3. solo a me non è piaciuta?
    Nel senso, il Partenone è bellissimo e l’Acropoli è da togliere il fiato. Anche la Placa è carina, ma è stata proprio la città che non ho apprezzato per nulla: l’ho trovata sporca e caotica. Devo dire peró che ci sono stata nel 2005, quindi magari qualcosa è cambiato.

Rispondi