Una giornata a Mentone, perla della Costa Azzurra

Su Mentone, cittadina francese di quasi 30.000 abitanti, aleggia una leggenda. Si narra infatti che Eva, prima di essere cacciata dall’Eden, rubò un frutto color oro dal giardino. Quando arrivò nella baia di Garavan, il posto le ricordò così tanto il paradiso che decise di interrare il frutto. Da qui deriva la grande quantità di limoni che da sempre contraddistingue la città.

Ogni anno, a febbraio, per due settimane Mentone vive la Fête du Citron. Questo evento, la Festa del Limone, attira annualmente più di 200.000 visitatori da tutto il mondo. Sfilate diurne e notturne, trampolieri, spettacoli musicali, giochi di luce e visite ai giardini decorati. Il programma è veramente interessante, tutto chiaramente si rifà al tema principale, il limone. L’anno prossimo mi piacerebbe partecipare a questo evento, una domenica magari!

In questo periodo, a pochi passi da Mentone, ha anche luogo il famoso Carnevale di Nizza. Ci sono stato due anni fa ed è una manifestazione bellissima, sfilano carri imponenti e ben fatti. Poi Nizza tra l’altro merita una visita a prescindere da questa festa, è una città molto pittoresca. Potreste dunque prendere due piccioni con una fava 😛

COME ARRIVARE A MENTONE

  1. In auto: Mentone è praticamente attaccata alla Liguria, dista infatti solo 11 km da Ventimiglia. Conviene prendere la A10 (Autostrada dei Fiori) e proseguire sull’autostrada francese A8.
  2. In aereo: l’aeroporto più vicino è quello di Nizza, distante una quarantina di minuti d’auto.
  3. In treno: da Ventimiglia c’è il treno comodo per le due stazioni, Menton e Menton Garavan. Il costo è di 1,50 € a tratta.
  4. A piedi: beh, non ci ho mai pensato.. ma la riviera ligure che si fonde nella Costa Azzurra regala panorami indimenticabili. Potreste provarci…

Sono venuto a Mentone il 2 giugno, giorno festivo in Italia. A dire il vero è stata una decisione molto improvvisata, presa all’ultimo. Non ho badato alle condizioni meteorologiche che purtroppo, scoperto dopo, non erano proprio buone. In ogni caso, senza tanti programmi, ho preso il treno regionale da Savona a Ventimiglia e poi quello francese fino a destinazione.

Ci sono due stazioni distinte, Menton Garavan e Menton. Io sono sceso a quest’ultima che si trova nella città moderna. Dirigendosi verso il mare si raggiunge la Promenade du Soleil, una passeggiata a bordo delle spiagge ricca di tavolini e dehors. Doveroso qui abbuffarsi di pesce fresco o aperitivare con un bicchiere di pastis, bevanda alcolica a base di anice e spezie.

La direzione giusta è a sinistra, verso l’Italia. Si oltrepassa il casinò e dopo 10 minuti si arriva a una fortezza seicentesca che attualmente ospita il Museo Jean Cocteau. Salendo le scale, una breve passerella sul bastione conduce al faro.

Siamo di fronte al porto di Mentone, proprio sotto la città vecchia. Questo è il panorama che si presenta davanti.

Salta subito agli occhi questo agglomerato di case colorate, addossate l’una all’altra, che si inerpicano su per la collina, la Colla Rogna. Ricorda molto le abitazioni liguri, color pastello, piuttosto strette e sviluppate in verticale.

Il centro storico è un incantevole dedalo di stradine e scalini che salgono verso il Cimitero del vecchio castello. Le vie del cimitero sono affollatissime di tombe, si pensa che Mentone sia stata l’ultima dimora degli aristocratici russi e britannici. La vista da qui è spettacolare, spazia dal porto fino all’Italia.

« De ce cimetière, la vue s’étend à gauche, sur l’Italie jusqu’à la pointe où Bordighera allonge dans la mer ses maisons blanches, à droite jusqu’au Cap Martin qui trempe dans l’eau ses flancs feuillus ». [Guy de Maupassant]

Poco sotto il cimitero, prima di riscendere i vicoletti verso il mare, ci si può fermare per ottime fotografie ai tetti rossastri della città.

Vieux Menton è caratterizzata dalla presenza di architettura barocca, visibile in Piazza della Concezione nelle due chiese presenti: la Basilica di San Michele e la Cappella dei Penitenti Bianchi. Non sono stato all’interno, per ragioni di tempistica e poi perchè volevo godermi di più il paesaggio. Interessante però la scalinata a rampe che scende fino al porto.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —> Nizza, un San Valentino diverso

Verso l’una è uscito un pò di sole, quindi ho deciso di rifornirmi in una panetteria e iniziare la seconda tappa della gita. Ossia il percorso a piedi tra Mentone e il Principato di Monaco. La durata è di circa 6,5 km solo andata. In totale da Mentone Vecchia ho impiegato 3 orette.

Bisogna tornare indietro sulla Promenade du Soleil fino al termine del lungomare di Mentone e poi intraprendere la Promenade Le Corbusier. Più precisamente il sentiero “Littoral”, un tempo chiamato “Sentiero dei Doganieri”.

Proseguendo a piedi, inizia il percorso, fatto sia di pianura sia di gradini a salire o scendere, a pochissimi metri d’altezza sul mare. Man mano che si cammina, tra l’odore di iodio, la fitta vegetazione di pini e fiori e scorci favolosi, si apre di fronte agli occhi lo scenario di Montecarlo in lontananza.

Vi consiglio di portarvi bottigliette d’acqua. Fa caldo e il sole picchia forte, oltretutto le scalinate ti ammazzano le gambe! La strada per Montecarlo è ben segnalata e adatta a tutti senza alcun tipo di problema, sia bambini che anziani. Si passa la stazione ferroviaria di Roquebrune Cap-Martin e ancora avanti tutta fino ai primi segnali monegaschi.

A Monaco sono stato molto poco, giusto un’oretta, prima di prendere il treno e tornare a Ventimiglia. In così poco tempo ho però potuto constatare la differenza abissale con Mentone. Due mondi proprio separati. Strade affollate, traffico continuo, Ferrari e Lamborghini a gogo, negozi di lusso, grattacieli e hotel d’élite. Non sono stato a girarla molto, ho giusto fatto due foto al celebre Casinò e una panoramica. A prima vista, non mi ha trasferito molto come città.

18 thoughts on “Una giornata a Mentone, perla della Costa Azzurra”

  1. Non sapevo che si potesse percorrere il tratto a piedi tra le due città!
    In effetti Menton è molto più pittoresca, mentre Monaco ha quell’aria artificiale delle città costruite intorno a una ricchezza spropositata.
    Buona domenica 🙂

    1. Non lo credevo neanche io, invece c’è una bella passeggiata!
      Monaco ha anche una città vecchia, non l’ho vista peró.. Ma nel complesso appunto è tutto lusso ed extralusso.
      Buona domenica a te! ?

      1. Partiti da Nizza, per passare da Antibes, Cannes ed infine Saint Paul de Vence. Ci manca altro ma in 3 giorni scarsi abbiamo fatto una selezione.

          1. Molto caratteristica con negozietti che espongono capolavori artistici di arte moderna. Quindi immagina paesino medioevale colorato dall’arte moderna

  2. Che bello sapere che ci sono paesi del genere appena fuori confine, questo sembra proprio bello! Monaco invece mmmmmmm, sarei curiosa di vederlo ma credo che qualche ora sarebbe più che sufficiente…

    1. Infatti circa Monaco io direi che ho già dato ?
      Invece ci sono paesini vicino a Nizza che mi piacerebbe vedere, e anche Cannes non dev’essere male ?

  3. Ma sai che la città vecchia di Mentone sembra proprio una meraviglia? Casette colorate, vicoletti caratteristici… il mio insta-sogno! Al Carnevale di Nizza ci sono stato… spettacolare! Hai proprio fatto bene a lanciarti in questa gita, pazienza per il tempo! 🙂

    1. Grazie Marco, lo penso pure io!! La Costa Azzurra ha delle cittadine proprio affascinanti ?
      Allora dovete andarci eh! C’è il treno di Trenord comodo da Milano!

  4. A piedi hai detto? Fantastico! *_*
    Un posticino davvero notevole, avevo letto della festa del limone ma trovo affascinante tutta la città. Mi pare che da Napoli Nizza sia raggiungible via vettori lowcost. Se ci faccio un pensierino vengo a chiederti altre info utili! 😉

  5. No va beh.. questo posto è bellissimo! Mi aveva già conquistato per i colori e la posizione sopra ad un colle.. poi vedo le vie, i fiori, gli archi e allora via con gli occhi a cuoricino! Comunque quanto vorrei fare come te.. svegliarmi e dire : “ma sì, oggi vado in Francia, prendere il treno e ritrovarmi in posti simili”!

    1. Si, ha colpito molto pure me! E’ coloratissima e solare. Il centro storico della vecchia Mentone è incantevole 🙂
      Beh, ho sfruttato un giorno di festa. La Francia dista poco.. Tu non puoi lamentarti, stai in Sardegna.. e avete dei posticini illegali, calette da sogno..

Rispondi