Santa Margherita Ligure, Portofino e Camogli

Sono i tre comuni che hanno caratterizzato la mia giornata, riempendo, e bene, così questa domenica. Programma stabilito sabato pomeriggio appena tornato da lavoro, deciso così sul momento, visto che, pur essendo ligure, non avevo ancora mai visto questi paesaggi. Peccato solo per l’impossibilità di fare il giro in battello per singole persone; ma rimedierò in primavera-estate! 😉

Come al solito uso il treno, comodo ed economico, anche se devo svegliarmi alle 06.30 per essere in stazione alle 07.26. Ciò nonostante mi armo di tutto il necessario e parto! 🙂

La prima tappa è Santa Margherita Ligure: è qui che comincio la giornata, con una buona colazione a base di cappuccio e brioches al pistacchio… 😛

santa1

Dalla stazione scendo giù verso il mare e, dopo aver dato uno sguardo nel centro storico, inizio la passeggiata sul lungomare. E’ un borgo tranquillo, sarà che sono solo le 09.30 del mattino, ma la temperatura è buona e c’è poca gente in giro. Lungo la strada, incrocio fiori e palme ed ho una deliziosa vista sul porticciolo. Sulla via, vicine tra loro, due statue intestate a Cristoforo Colombo e Vittorio Emanuele II.santa3

Salgo a fare un giro a Villa Durazzo, un edificio in stile barocco molto antico, ma mi fermo ai giardini della villa, aperti al pubblico, dai quali vedo parte del paesaggio. E’ il momento di lasciare Santa, alla fine non era tra le mete in programma, ma a Portofino non c’è la stazione e sono dovuto scendere qui, anche perchè c’è una bella passeggiata che collega i due comuni.Comunque ne rimango soddisfatto, ho apprezzato l’ora che ho trascorso qui.

santasanta2


 

Il tratto che collega Santa a Portofino è decisamente piacevole, le strade sono semideserte, passano poche macchine e sulla via incontro runners e ciclisti. La quiete regna, alla mia sinistra solo il rumore del mare che si infrange contro le rocce e il continuo odore di iodio che caratterizza l’atmosfera.

Durante il percorso passo attraverso Paraggi, una minuscola frazione con poche casette di pescatori, e salgo su, in un sentiero nel bosco, che mi porta dritto a Portofino in una ventina di minuti, fra scorci e punti panoramici. Così, arrivo qua…porto1

“Ed ecco, all’improvviso, scoprirsi un’insenatura nascosta, di ulivi e castani. Un piccolo villaggio, Portofino, si allarga come un arco di luna attorno a questo calmo bacino. Attraversiamo lentamente lo stretto passaggio che unisce al mare questo magnifico porto naturale, e ci addentriamo verso l’anfiteatro delle case, circondate da un bosco di un verde possente e fresco, e tutto si riflette nello specchio delle acque tranquille, ove sembrano dormire alcune barche da pesca”. [Guy de Maupassant, 1889]porto

Beh direi che il buon Maupassant rispecchia in pieno ciò che è questo comune. Non ci ero mai stato, è un vero gioiello. Soprattutto mi piacciono tantissimo i riflessi delle case coloratissime sul mare, con le barche parcheggiate e una vista incredibile sul Tigullio. Me encanta! 🙂

porto2

porto3

Dopo due foto panoramiche nei pressi della Chiesa di S. Giorgio, che guardo solo dall’esterno, mi dirigo verso il Castello Brown, ma non entro, avendo letto su TripAdvisor che per 5 euro non ne vale la pena. Quindi proseguo per altri 10 minuti e mi ritrovo al faro. Qui uno scenario immenso si apre davanti ai miei occhi, un panorama vastissimo sulla riviera di levante verso Sestri e le Cinque Terre! porto4

Sono già le 14,10 e ahimè perdo l’autobus che mi avrebbe riportato a Santa Margherita. Prendo quello delle 15, raggiungo la stazione e torno indietro in treno verso casa, ma scendo dopo una fermata: Camogli!


Sono le quattro e arrivo a Camogli desideroso di scattare ancora due panorami e godermi il tramonto sul mare. Il cielo è abbastanza nuvoloso, un’altra cosa rispetto al sole di Santa e Portofino, vento fresco e mare parecchio mosso. Comunque, altra differenza, trovo un paese vivo e allegro, bambini che giocano a calcio col sorriso in volto, coppie e famiglie a passeggio lungo la strada principale, pedonale, che dà sulla spiaggia, e piena di negozietti, bar, focaccerie. Dietro la basilica, il porticciolo di Camogli e…una piadineria in cui fermo per la classica focaccia camogli 😛camogli1camogli3camogli2

Da lì, una scalinata mi conduce su in cima a Castello Dragone che però non visito, dal momento che è in atto una manifestazione natalizia per bambini. Tuttavia sosto qualche minuto presso la basilica di Santa Maria Assunta per una foto in cui i caldi colori delle case affacciate sul mare fanno da protagonisti.camogli

Prima di fare ritorno in stazione, mi fermo ad ammirare il sole che tramonta. Un bellissimo spettacolo, rafforzato dalla presenza di un pescatore solitario e del mare impetuoso che sbatte contro gli scogli.camogli4


Questo è stato il mio itinerario di domenica, tra Santa, Portofino e Camogli, tre villaggi di cui consiglio assolutamente una visita anche solo giornaliera come la mia. Non rimarrete delusi, i panorami esaltano tantissimo, e consiglio di venirci in primavera verso aprile o a fine settembre, per spararsi anche il giro sul battello (dev’essere una figata!) e poter raggiungere luoghi magici e nascosti, come la baia di San Fruttuoso.

10 thoughts on “Santa Margherita Ligure, Portofino e Camogli”

  1. Cartoline, queste, che ho potuto solo ammirare dal finestrino del FrecciaBianca per Genova 🙁
    Allora: un commento positivo per la focaccia che sembra divina anche dalla foto (è l’ora di pranzo che mi fa parlare) e uno negativo per la questione del:
    avendo-letto-su-TripAdvisor-che-per-5-euro-non-ne-vale-la-pena…
    Sto rivalutando l’attendibilità di TripAdvisor. A volte, col senno di poi, mi sono accorta di essermi persa cose fantastiche a causa dei commenti di persone che, secondo me, neanche c’erano state nel luogo in questione. Viceversa, ho visitato posti da “elettroencefalogrammazero” spinta da recensioni davvero entusiastiche da bimbiminkia. Ora seguo l’istinto!
    Hai trovato delle analogie paesaggistiche con la nostra Costiera?

    Ci tornerò in Liguria!
    Ciao!

    1. E su questo hai ragione, spesso mi lascio condizionare dalle recensioni, considerando poi che sono soggettive e siamo tutti diversi l’uno dall’altro.
      La focaccia era una delizia, col tipico formaggio Camogli e prosciutto.
      La riviera ligure è piena di questi piccoli borghi marinari! Credo che si somiglino per il fatto che attirano tanti turisti e poi tutte le casettine colorate e appiccicate sono molto simili a quelle della costiera. Poi ogni luogo è unico, non vedró mai nulla di simile a Positano o a Portofino. Il centro storico di Sorrento e Positano, dove a malapena riesci a passare, è da occhietti a cuoricino. 😍

Rispondi