Cosa vedere a Liverpool in 24 ore

Liverpool è stata una scelta dell’ultimo minuto diciamo. Fino a pochi giorni prima avevo intenzioni diverse, poi ho trovato questo volo economico da Bergamo e ho deciso di andare, giusto per un mini weekend. Uno dei motivi che mi ha spinto a prenotare è stata la possibilità, poi svanita, di vedere una partita di calcio del Liverpool Football Club, storico club britannico, tra i più importanti al mondo. Premetto fin da subito che durante il viaggio ho tralasciato molti luoghi da visitare, per concentrarmi maggiormente sull’aspetto calcistico; non me ne volete, ma c’ho la fissa. 😛 Ecco quindi cosa vedere a Liverpool in 24 ore.

Come al solito, ho optato per godermi la città tranquillamente. Liverpool è una città moderna che però mantiene la tradizione del passato, con un centro storico caratteristico, due cattedrali, diversi musei e aree verdi.

cosa vedere a liverpool case vittoriane

Nonostante fosse pieno autunno, il clima non mi è parso così diverso dal nostro, anzi. Con una giacca leggera non ho mai patito il freddo.

I colori autunnali, i classici foliage, di fronte alle tipiche case vittoriane mi hanno invitato a scattare diverse fotografie. Non è una novità che vada matto per questo stile architettonico, e ho avuto pure la fortuna di soggiornarci in una casetta del genere, prenotata su AirBnB e appartenente a una coppia simpatica e accogliente.

cosa vedere a liverpool porticina

cosa vedere a Liverpool penny lane

Cosa vedere a Liverpool in 24 ore

La giornata è partita da Penny Lane, una delle vie più conosciute. Perchè? E’ il titolo di una canzone composta dai mitici Beatles, nati e cresciuti tutti e quattro proprio qui a Liverpool. Nel testo si parla di una rotonda stradale, la Penny Lane Roundabout, dove i ragazzi ogni anno compravano finti papaveri creati per festeggiare la fine della Seconda Guerra Mondiale. Nei pressi della rotonda sorge una chiesa, la St. Barnabas Church, dove Paul McCartney s’incontrava con John Lennon.

Liverpool è la città dei Beatles, anche se poi la loro carriera si è sviluppata ad Amburgo e infine a Londra. Merita il tour in autobus (che non ho fatto) di due ore dei posti legati ai Fab Four, chiamato Magical Mistery Tour.

cosa vedere a liverpool cattedrale anglicana

cosa vedere a liverpool interno cattedrale anglicana

Alla fine di Hope Street si trova la più grande cattedrale anglicana del Regno Unito. E’ la Cathedral Church of Christ che, incredibile ma vero, è recentissima, essendo stata costruita nel 1901 e completata solo otto anni fa. L’ingresso è gratuito e la chiesa è in stile neogotico, con grandi e colorate vetrate. Interessante la possibilità di salire in cima alla torre per ammirare un panorama a 360° su Liverpool, capoluogo del Merseyside, la contea che prende il nome dal fiume Mersey.

cosa vedere a liverpool panorama cattedrale anglicana

Al lato opposto di Hope Street sorge la Cathedral of Christ The King, l’altra cattedrale di Liverpool, di orientamento però cattolico. E’ decisamente moderna e colorata internamente, mentre dal punto di vista esterno la parte superiore è stata costruita ispirandosi alla corona di spine di Cristo.

cosa vedere a liverpool blue door

 

Cosa vedere a Liverpool in 24 ore

cosa vedere a liverpool mathew street

cosa vedere a liverpool cavern pub beatles

Il centro storico di Liverpool è fatto di strade pedonali piene di caffè, locali e negozi. Tra queste, la più caratteristica è sicuramente Mathew Street, dove hanno sede diversi pub in tipico stile british, tra cui il famoso The Cavern Club, dedicato ai Beatles. In questo locale, inizialmente adibito a ospitare artisti jazz, è iniziata la storia della band. Locale che è stato dapprima distrutto negli anni ’70 per far spazio a un parcheggio e poi ricostruito dopo la morte di John Lennon.

cosa vedere a liverpool bold street

Cosa vedere a Liverpool in 24 ore

L’area portuale di Liverpool è la chicca della città, diciamo. L’Albert Dock è un bene protetto dall’Unesco, dopo che per anni è stato un luogo malfamato e abbandonato. In questo complesso avevano sede gli antichi magazzini del porto, fino a quando l’attività non è cessata ed essi sono stati lasciati al loro destino. Per fortuna la riqualificazione da parte delle autorità locali ha portato questo posto ad essere uno dei più vissuti dalla gente.

Oggi l’area ospita alcuni musei, come la Tate Gallery, il Museo dei Beatles e il Museo Marittimo.

cosa vedere a liverpool albert dock

cosa vedere a liverpool albert dock

Dagli ex magazzini tramite una comoda passeggiata si arriva al porto d’imbarco dei traghetti che navigano lungo il Mersey. Una crociera di un’ora ve la consiglio, soprattutto al tramonto.

Di fronte non potevano certo mancare quattro statue vicine, a rappresentare John, Paul, Ringo e George.

cosa vedere a liverpool skyline

cosa vedere a liverpool the beatles

Voltando lo sguardo a sinistra, attirano l’attenzione tre grandi edifici allineati: sono le Three Graces, vale a dire le Tre Grazie.

  • Royal Liver Building, il primo partendo da sinistra, un grattacielo di tredici piani con due torri e due orologi, su cui svettano i liver birds, gli uccelli simbolo di Liverpool.
  • Cunard Building, a forma di prua, messo su per ospitare la compagnia di navigazione Cunard.
  • Port of Liverpool Building, formato da una grande cupola centrale e quattro più piccole ai lati. Rappresentava la potenza marittima della città.

cosa vedere a liverpool tre grazie

Cosa vedere a Liverpool in 24 ore

Concludo con il motivo principale del mio viaggio, ovvero la partita del Liverpool. Purtroppo, non essendo riuscito a trovare i biglietti, ho dovuto accontentarmi della visita ai due stadi della città, Anfield Road e Goodison Park, dove giocano Liverpool ed Everton. In attesa di godermi un match dal vivo…

cosa vedere a liverpool anfield

cosa vedere a liverpool goodison park

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni

In questo articolo scrivo la mia esperienza di viaggio di quasi un anno fa e spiego cosa vedere a Londra in quattro giorni.

Ci sono già stato tre volte. Quattro a dire il vero. Ma la primissima volta è stata nel 2006, durante una vacanza studio. Solo un giorno, mi sembra, ma non ricordo quasi nulla e non la considero. Dunque ho visto Londra dapprima nel 2012 con un caro amico, poi un anno dopo con la famiglia e infine lo scorso settembre in solitaria.

A sto giro, ho avuto modo di esplorare diversi punti della città, alcuni pure meno turistici, in zone che solitamente vengono poco considerate dai visitatori. Inoltre ne ho approfittato per guardarmi due fantastici stadi, Emirates e Stamford Bridge, e assistere a una partita di calcio del Fulham, squadra della Championship, ossia la seconda divisione inglese.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni panorama tamigi

Viste notturne fantastiche e dove trovarle.

Questa è la mia foto preferita del viaggio. Tornando un secondo al discorso calcio, quest’immagine l’ho scattata sulla strada che dalla stazione della metro Putney Bridge porta allo stadio del Fulham e il suo quartiere.

Da quando ci sono stato per la prima volta, è nato subito l’amore. Quando torno a Londra, venire qui è una delle primissime cose che faccio. Ne ho bisogno, anche solo per una passeggiata. E’ un posto molto tranquillo, fuori dal centro, pieno di verde. Questa passeggiata lungo il Tamigi è piuttosto frequentata la domenica mattina da runners che qui trovano l’ambiente ideale per muoversi e famiglie in cerca di pace e relax.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni putney bridge

Verso il Craven Cottage

Una volta arrivati allo stadio, lo storico Craven Cottage, il più antico d’Inghilterra e della città, adoro perdermi nelle vie del quartiere. Più che altro io sono abbastanza fissato con le costruzioni britanniche, mi fermo a scattare tantissime foto a queste casette disposte a schiera. Lo stile vittoriano è evidentissimo, con tetti a tegole e finestre a tre vetrate sporgenti verso l’esterno. Mi piacciono parecchio, mi danno sensazioni di ordine, antichità ed eleganza.

Almeno un’oretta in questo angolo di Londra per me è essenziale. E’ il mio ambiente preferito e mi piacerebbe da matti viverci. Il fatto è che parliamo di una zona tra le più care per quanto riguarda le abitazioni, vivono qui le classi medio-alte. Insomma sarei un pò the poor among the riches.

Come arrivare qui: prendi la District Line (colore verde) diretta a Wimbledon e scendi a Putney Bridge. Se ami il calcio, ti consiglio vivamente la visita allo stadio.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni case putney

Greswell Street: prima o poi una di queste case deliziose sarà mia!

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni cabina telefonica

Le mitiche cabine telefoniche di Londra

Come soggiorno mi sono affidato ad AirBnB. Una ragazza italiana vive col marito tedesco in un appartamento nel nord della metropoli e mettono a disposizione una stanza semplicissima. Cinquanta metri a piedi dalla stazione della metro, Turnpike Lane, sulla linea blu Piccadilly che in una quindicina di minuti porta in centro. Per quattro notti ho speso 138 €.

Come volo invece, sono arrivato da Torino con un diretto Ryanair verso Stansted.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni turnpike lane

Ho soggiornato qui, a Turnpike Lane

COSA VEDERE A LONDRA IN QUATTRO GIORNI

Camden Town

Ogni volta che vuoi visitare Londra, non puoi perdertela. Un tempo magari era ancora poco conosciuta, ma adesso Camden Town è veramente frequentatissima. Trascorrere qualche ora qui ne vale la pena, sembra di entrare in un altro mondo, una cosa a sè. Un luogo estremamente pittoresco e colorato, rinomato per i suoi mercati. Non per forza bisogna acquistare qualcosa, è piacevole anche solo passeggiare a fianco di negozi, pub, ristoranti con facciate particolarmente decorate.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni Camden town colori

Le coloratissime costruzioni a Camden

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni Camden Town

Due passi a Camden Town

Il mercato principale è il Camden Lock Market, dove si trovano perlopiù articoli d’abbigliamento e musicali. Consiglio di provare poi il tipico street food di Camden: si possono assaggiare piatti tipici da tutto il mondo. Io ho mangiato indiano, da Kolkati.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni Camden Market

Alla ricerca di cibo

Come arrivare: Camden Town è situata sulla Northern Line (colore nero). La metro di Londra per me è comodissima, mi sono sempre trovato alla grande nonostante per andare in certi posti serva cambiare più volte. Utilizzo solitamente l’Oyster Card, una carta ricaricabile nelle stazioni per viaggiare sui mezzi, pratica e intuitiva.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni street food indiano

Kati Rolls per me grazie!

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni camden lock

Da provare, molto rinfrescante!

Primrose Hill

Per uno come me che starebbe ore a fotografare panorami da cartolina, rinunciare a godermi Londra da una prospettiva diversa è stato un bell’errore. Pensare che ce ne sono di luoghi da cui si aprono scenari spettacolari. Mi riferisco al The Shard, il più alto grattacielo d’Europa, oppure il settimo piano del Tate Modern Museum, dov’è situato il ristorante. Ancora lo Sky Garden, un giardino pubblico con grandi vetrate panoramiche, e il classico giro sulla ruota, il London Eye.

La prossima volta non me li lascerò sfuggire per niente al mondo. Il problema (o la fortuna) è che a Londra ci sono talmente tante cose da vedere… e poi ti viene da visitare luoghi che già conosci. Certo, vai alla scoperta di novità, ma anche le attrazioni più turistiche ti spingono a farci un salto.

Comunque, tornando al discorso panorami, almeno non mi sono perso la vista da Primrose Hill. Questa collinetta a nord di Regent’s Park è alta 63m slm e permette di ammirare un favoloso skyline di Londra. Meglio ancora se ci si va al tramonto, come ho fatto io. Forever alone in mezzo a coppie e gruppi di amici, mi sono seduto sull’erba fresca e ho osservato il calar del sole.

Come arrivare: Northern Line (colore nero), Chalk Farm, la fermata della metro immediatamente dopo Camden Town, verso nord. Dunque, perchè non trascorrere un pomeriggio nella vivace Camden e concludere con un ottimo tramonto a Primrose?

Cosa vedere a Londra in quattro giorni primrose hill skyline

Skyline di Londra

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni primrose hill tramonto

Tramonto su Londra da Primrose Hill

Regent’s Canal

Vi ho accennato del Regent’s Park, uno dei Parchi Reali di Londra. Si trova in zona Westminster e qui ha sede il London Zoo.

Non ci sono stato, ma un modo per arrivarci è una piacevolissima passeggiata lungo il Regent’s Canal. Si tratta di un canale artificiale di circa 14km che venne costruito nel 1800 per collegare Birmingham al porto di Londra. Con l’avvento della ferrovia, pian piano perse le sue funzioni iniziali.

Ad oggi è un luogo ancora poco visitato della città. In alternativa al camminare, c’è la possibilità di farsela in bicicletta o accaparrarsi un posto per il giro in battello. Se ne occupa per esempio la compagnia London Water Bus.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni regent's canal natura

Un pò di relax lungo il canale

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni regent's canal

Il grazioso scenario sul Regent’s Canal

Come arrivare: basta usare la metro Bakerloo Line (colore marrone) e scendere a Warwick Avenue. Nei pressi del ponticello da dove ho scattato la prima foto, scendi le scale per immergerti in un’atmosfera di pace totale.

E’ qui che nasce Little Venice. Ne avete mai sentito parlare? Lasciandosi un attimo alle spalle il percorso da me fotografato, il canale si allarga fino a dar vita a un baccino da dove partono i battelli per il tour. Pittoresche le lunghe file di casette galleggianti, barche ormeggiate diventate ormai abitazioni, ornate con vasi di fiori e piantine. Alcune sono invece bar e ristoranti, come il Waterside Cafè.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni little venice

Un’oasi di pace

Portobello

Metti caso che ti trovi in città il sabato mattina. Cosa fai? Beh, un giro a Portobello è una tappa obbligata. Si sviluppa nell’elegante quartiere di Notting Hill e consiste nel mercato d’antiquariato per eccellenza della capitale. E’ consuetudine trovare ondate di gente che dall’uscita della metro si riversa nella via del Portobello Road Market. Bancarelle e negozietti attirano migliaia di turisti, dalle ore 08.00 alle 19.00.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni portobello road

Un tuffo nel trafficatissimo mercato di Portobello

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni crepes banana

Colazione a Portobello a base di crepes alla banana

 

E’ bene andarci presto, per gustare una buona colazione e cercare le migliori occasioni di shopping, prima che arrivi il pienone.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni portobello road market

Si ringrazia per l’indicazione!

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni portobello market

Bancarelle a Portobello

Riverside Walk

Ho camminato molto durante questo viaggio, e ho camminato spesso e volentieri sul lungofiume. Come in questo gradevole percorso che dal Millenium Bridge, il ponte d’acciaio sospeso, porta al Westminster Bridge.

Il Millenium Bridge volge lo sguardo alla facciata neoclassica della cattedrale di St. Paul’s.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni Saint Paul's

La cattedrale di St. Paul’s

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni panorama millenium bridge

Vista panoramica dal Millenium Bridge

Una ricca colazione al Monmouth Coffee (delizioso il pain au chocolat!) è un ottimo punto di partenza per visitare Londra. Ci si gode la camminata a stomaco pieno, passando a fianco di importanti edifici e con lo sguardo all’altra sponda del Tamigi. Si passa a pochi metri dal celebre London Eye, la ruota panoramica, e si comincia a intravedere in lontananza il Big Ben e l’Houses of Parliament.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni riverside walk

Lungo la Riverside Walk

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni panorama

Avvicinandosi a Westminster

Piccola considerazione extra viaggio: è incredibile come sia riuscito a beccare belle giornate di sole a Londra. Pure in Irlanda, a marzo. Ora comprendo il motivo della pioggia e del freddo patiti a Ibiza e Formentera lo scorso aprile!

Siamo arrivati a destinazione, nel quartiere di Westminster. Cosa fai, non attraversi il ponte per scattare due foto e lanciarti in un’altra (l’ennesima!) passeggiata fino a Trafalgar Square?

Cosa vedere a Londra in quattro giorni westminster big ben

Il vero simbolo di Londra, il Big Ben e la sede del parlamento inglese

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni london eye

Vista da Westminster Bridge

Trafalgar Square, Piccadilly Circus, Chinatown

Una delle piazze principali di Londra, Trafalgar Square deve il suo nome alla battaglia di Trafalgar, dove la Royal Navy sconfisse le flotte francesi e spagnole durante l’era di Napoleone. L’imponente statua al centro raffigura Horatio Nelson, l’ammiraglio morto in battaglia. Ai piedi della colonna, quattro leoni di bronzo. Verso il lato settentrionale della piazza, ha sede la famosa National Gallery, vero e proprio tesoro artistico contenente migliaia di opere.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni trafalgar square

Eccoci a Trafalgar Square

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni trafalgar square leone

Leone di bronzo a Trafalgar

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni fontana trafalgar square

La fontana di Trafalgar; dietro, la National Gallery

A poca distanza dalla piazza si arriva a Piccadilly Circus, incrocio di strade molto trafficate e cuore pulsante di Londra. Sia di giorno che di notte brulica di gente, un gran spettacolo di luci e colori che danno linfa alla piazza. Insegne al neon, grandi negozi, illuminazioni, un traffico e un vociferare continui, senza sosta. E’ la piazza che non dorme mai, il fulcro della vita londinese.

Per gli appassionati di sport, come me, non guasta perdere venti, trenta, quaranta minuti a Lillywhites, super negozio con ben quattro piani di articoli sportivi.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni piccadilly circus

Il caos di Piccadilly

Non serve muoversi molto per arrivare a Chinatown, lo spazio cinese di Londra. Si trova nell’area di Soho, nel distretto di Westminster, ed è una zona molto popolata. Particolarmente caratteristiche le decorazioni che qualificano l’area. Ai lati, un susseguirsi di negozi e ristoranti cinesi. Io sono andato di street food!

Cosa vedere a Londra in quattro giorni ingresso chinatown

L’arco d’entrata a Chinatown

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni chinatown quartiere

a piedi per Chinatown

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni street food chinatown

Street food in Chinatown

 

>>>>> TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>>>>

Alla scoperta dell’Irlanda: cosa fare in quattro giorni

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni mind the gap

Un simbolo di Londra


Tengo a ricordare il mio incontro con la blogger Flavia di In Giro Con Fluppa. Lei vive qui da diversi anni, così è stata un’occasione per fare conoscenza.

Tra l’altro ha scritto articoli molto interessanti, come per esempio questo, in cui si evidenzia come l’autunno sia uno dei periodi migliori per visitare Londra.

Mi ha portato in un quartiere di cui non avevo mai sentito parlare, Shoreditch, un quartiere giovane e vivo, quartiere di artisti e graffiti. Dopo una bevuta in un pub, siamo andati a cenare, da Nando’s, una catena di ristoranti portoghesi diffusi in Inghilterra. La serata è trascorsa così, tra abbuffate, selfie, racconti e risate.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni  blogger selfie

Io, Flavia e Massimo

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni  nando's restaurant

Cena da Nando’s

Se hai in programma di visitare Londra, eccoti un personale consiglio su dove mangiare un ottimo fish & chips. Su consiglio di Flavia, ho raggiunto il quartiere di Covent Garden e il suo caratteristico vicolo colorato Neal’s Yard, poi mi sono infilato da Rock & Sole Plaice, il più antico negozio di fish & chips della città.

Mi spiace solo di essere arrivato tardi a Covent Garden. Il sole era ormai tramontato da un pezzo. La foto non rende l’idea purtroppo.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni  neal's yard

Neal’s Yard, angolino da vedere

 

Cosa vedere a Londra in quattro giorni fish and chips

Un gustoso piatto di fish & chips

 

Concludo così l’articolo su cosa vedere a Londra in quattro giorni.

Quattro giorni sono sempre troppo pochi per questa città. Ho ancora tantissimo da vedere e scoprire, non voglio lasciarmi sfuggire nulla. In attesa del trasferimento a Putney.

Cosa vedere a Londra in quattro giorni Tower Bridge

Lo splendido Tower Bridge al tramonto

Vivere a Londra: facciamo quattro chiacchiere con Flavia

Vivere a Londra, immergersi nel suo stile, la cultura, le tradizioni e i costumi. Oggi ne parlo con Flavia che tempo fa ha preso la decisione di andare a vivere a Londra.

“Non troverai nessuno, soprattutto un intellettuale, che voglia lasciare Londra. No, Sir, quando un uomo è stanco di Londra è stanco della vita; a Londra c’è tutto ciò che questa vita possa offrire.”
(Samuel Johnson)

ponte londra

Tower Bridge

Presentati.

Ciao a tutti, lettori di Pietrolley! Io sono Flavia, 33 anni, vivo a Londra da 6. Condivido con Pietro l’amore per i viaggi e per il travel blogging: ci siamo conosciuti proprio grazie a queste passioni comuni, ma anche dal vivo quando l’anno scorso lui è venuto a visitare questa città. Con Londra ho un rapporto di amore e odio, a volte la maledico ma so che non riuscirei molto facilmente a staccarmi da lei e dalle abitudini con cui mi coccola. Vivo la vita giorno per giorno, amo le regole e i colori, lavoro per vivere e mai il contrario, e appena posso corro in aeroporto per volare da qualche parte anche solo per un weekend.
Scatto una marea di foto e quando torno a casa, appena riesco, racconto tutto sul mio travel blog In Giro Con Fluppa.

Quando e come mai hai deciso di andare via dall’Italia?

In realtà è stato un caso, non l’ho nemmeno deciso io ma la mia migliore amica ed il mio ragazzo insieme 😀 Maggio 2011, lui si era appena laureato e sapeva che la sua figura in UK era pagata molto meglio rispetto all’Italia, l’azienda per cui lavoravo io era da poco andata in fallimento, lei non riusciva a trovare lavoro…così mi hanno presa per le orecchie e trascinata a Londra!

Perchè hai scelto proprio Londra come destinazione?

Anche qui è stato un caso: lei aveva il fratello che si era trasferito a Londra qualche anno prima, lui amava la cultura British da sempre, l’anno prima eravamo stati tutti e 3 a Londra in vacanza e ci eravamo innamorati della città! Io ero parecchio titubante, non credevo andasse a finire bene, l’unica cosa che mi consolava è che a scuola ero molto brava in Inglese (o almeno così credevo, dai voti alti) e che se ci avessimo ripensato, saremmo potuti sempre tornare in Italia quando avremmo voluto…invece dopo 6 anni siamo ancora tutti e tre qui!

hotel londra

The Dicken’s Inn

E’ stato difficile trovare una sistemazione ed un lavoro?

No, trovare una stanza è stato molto facile anche perchè i prezzi all’epoca erano molto più bassi di oggi! Appena atterrate abbiamo chiesto asilo al fratello della mia amica per un paio di notti, nel frattempo ci siamo messe alla ricerca di un paio di stanze per vivere insieme nella stessa casa e dopo 3 giorni esatti eravamo sistemati. Per quanto riguarda il lavoro, ci è voluto un pò più di tempo perchè abbiamo dovuto prima aprire i conti in banca e fare tutte le pratiche necessarie per poter essere in regola, ma nel giro di un mese eravamo a posto anche sotto quell’aspetto.

St. Paul’s Cathedral

Com’è stato l’impatto con Londra?

All’inizio bellissimo: amavo essere circondata da persone di tutte le nazionalità, sentir parlare lingue diverse, osservare le loro usanze, imparare cose nuove, veder crollare pregiudizi, godere dell’affidabilità dei mezzi di trasporto, avere l’imbarazzo della scelta sul cosa fare nel weekend, essere orgogliosa di me stessa per i progressi che facevo al lavoro e ricevere feedback positivi dai miei manager. Poi dopo un paio d’anni però ho avuto un crollo emotivo: mi mancava tutto, non riuscivo più a vedere le cose lucidamente e son dovuta tornare in Italia per qualche mese per capire che in effetti la mia vita doveva continuare a Londra. Così son tornata, più convinta che mai, ed ho ricominciato con un’altra prospettiva.

vivere a londra autunno

Autunno nei parchi di Londra

Ti ha creato difficoltà adattarti allo stile di vita londinese e alle abitudini di questa città?

Si, non ti nego che ho avuto parecchie difficoltà ad uscire dalla mia zona di comfort. Non è stato semplice accettare la completa assenza di estate per come la intendiamo noi (tanto caldo, tanto sole e mare), mi arrabbiavo quando non trovavo degli ingredienti in particolare e non riuscivo a contenere la delusione quando assaggiavo un frutto che non aveva lo stesso sapore che in Italia. Non mi spiegavo la loro mania per il pub, mi ostinavo a tornare a casa dopo lavoro per cambiarmi ed uscire di nuovo, cercavo disperatamente ed invano dei copriletti. Invece oggi mi ritrovo a correre in metropolitana e per strada, a cenare alle 19.30, ad uscire la mattina presto e ritornare a casa verso le 20 durante il weekend, ad andare al pub direttamente dopo l’ufficio, a girare la città in bici, a brontolare quando fa troppo caldo e ad amare il parco la domenica. Il mio picco più basso è stato quando ho mangiato una fetta di pizza di Pizza Hut, il mattino dopo, riscaldata nel tostapane! Sono stata quasi diseredata dalla mia famiglia napoletana 😀

Cosa vorresti consigliare a chi decide di lasciare l’Italia e trasferirsi a Londra per iniziare una nuova vita?

Consiglierei di pensarci bene! Londra non è il paradiso, bisogna faticare molto per adattarsi ed oggi come non mai, nonostante l’offerta lavorativa sia alta, allo stesso tempo c’è parecchia competizione perchè negli ultimi anni l’emigrazione da diversi Paesi e’ stata pesante. Ho visto troppe persone venire a vivere a Londra quasi per gioco, non sapendo cosa aspettarsi e soprattutto cosa fare, per poi tornare in Italia dopo pochi mesi con la coda tra le gambe. Agli inglesi piacciono le persone decise, che hanno un obiettivo ed un CV che rispecchia quell’obiettivo. Ah, last but not least, racimolate un gruzzoletto per sopravvivere almeno un paio di mesi durante la ricerca del lavoro: Londra è carissima, tra affitto e mezzi di trasporto se ne vanno via davvero tanti soldi!

Parla di qualche luogo tradizionale e poco turistico per chi decide di viaggiare a Londra.

Nella City c’è un bel posto che nessun turista vede mai, si chiama Leandenhall Market: un antico ed elegante mercato vittoriano adattato oggi a galleria commerciale e gastronomica. Se ci passate verso le 17 lo troverete pieno di lavoratori in giacca e cravatta appena usciti dagli uffici, che popolano i pub, bar e ristoranti.

vivere a londra

Leandenhall Market

Definisci Londra in 3 parole.

Generosa, perchè se sai come prenderla ti da davvero tanto.
Orgogliosa, perchè ha una dignità e una fierezza che sono davvero difficili da scalfire.  
Eclettica, perchè riesce a fare qualunque cosa con successo.

cattedrale londra

St. Paul’s

Un ringraziamento a Flavia per aver speso un pò del suo tempo per questa intervista riguardo il vivere a Londra. 🙂