Cosa vedere a Colmar in 24 ore

Colmar è stato il mio primo impatto con l’Alsazia. Raggiunta dall’aeroporto di Strasburgo in macchina, sono arrivato in tardissima serata. L’hotel, prenotato dalla mia agente di fiducia, è il Kyriad, situato a dieci minuti a piedi dal centro storico, in una zona tranquillissima. Fino a quel momento mi ero limitato ad osservarla in foto o leggerla negli articoli online di altri viaggiatori, sognandola da diverso tempo. Così, approfittando di un weekend lungo, ho deciso di prenotare il soggiorno, grazie a un volo diretto molto comodo da Nizza. E pensare che sembrava non dovessi partire: sciopero di alcuni treni da Ventimiglia a Nizza e arrivo con un’ora e mezza di ritardo in aeroporto. Poi per fortuna è andato tutto per il meglio, anzi mi è dispiaciuto non essermi potuto fermare più a lungo. Tornando all’articolo, scrivo di cosa vedere a Colmar in 24 ore.

cosa vedere a colmar in 24 ore dettagli finestre

 

Cosa vedere a Colmar in 24 ore

  • La Petite Venise
  • Maison Pfister e Maison des Têtes
  • La collegiata di San Martino
  • Il Koïfhus

 

cosa vedere a colmar in 24 ore quartiere tanneurs

La Petite Venise

Ecco la zona più pittoresca di Colmar, quella che avrete già visto e rivisto in centinaia di foto su instagram. In effetti è il vero fiore all’occhiello della città, grazie al fiume Lauch che l’attraversa, fiancheggiato da coloratissime case a graticcio del XVII e XVIII secolo.

cosa vedere a colmar in 24 ore petite venise

La Petite Venise vista dal Pont Saint Pierre (Rue de Turenne)

 

Siamo nel quartiere Krutenau, un tempo abitato dalla corporazione dei giardinieri. A Colmar ci sono diverse zone del centro appartenenti ad antiche corporazioni, sono piccoli quartieri che si articolano lungo le vie. E’ il caso della Rue des Tanneurs, dove nei piani superiori delle case i conciatori facevano essicare le pelli, oppure il Quai de la Poissonnerie, dove la corporazione dei pescatori si occupava della conservazione e la vendita dei pesci.

cosa vedere a Colmar in 24 ore quai poissonnerie

Nei pressi del Pont Saint Pierre, da cui si gode di un’ottima vista sulla Petite Venise, ci si può rivolgere a quest’associazione che in trenta minuti ti porta in giro per il quartiere, a bordo di un’imbarcazione di legno. Il costo è di 6 euro e si passa attraverso i bassissimi ponti di Colmar che, se non mi accucciavo, rischiavano di farmi mooolto male! Ecco, gli svantaggi di essere 190 cm!!!

cosa vedere a Colmar in 24 ore giro battello

Maison Pfister e Maison des Têtes

Due tra gli edifici più fotografati della vecchia Colmar. Oggi sono considerati un simbolo della città.

La Maison Pfister risale al 1500, ma è stata abitata e restaurata dalla famiglia Pfister tra il 1841 e il 1892. Colpisce per il particolare design ad angolo, con le due facciate ornate da affreschi di scene bibliche e imperatori germanici.

La Maison des Têtes è un edificio di età rinascimentale, chiamato così per le oltre 100 teste scolpite sulla facciata. Oggi ospita un hotel a cinque stelle.

View this post on Instagram

#RuiTravel #Colmar

A post shared by Rui Sun (@srsrsunrui) on

La collegiata di San Martino

Il cuore della città è rappresentato dalla Place de la Cathedral, ove è situata la Collegiata di San Martino. Si tratta di una delle chiese principali di tutta l’Alsazia, realizzata in stile gotico nel 1200. A causa di un incendio avvenuto tre secoli dopo, il tetto è stato ricostruito. Dal 1840 è Monumento Storico di Francia.

cosa vedere a colmar in 24 ore chiesa san martino collegiata

Più che l’interno, questa cattedrale, così chiamata dai cittadini di Colmar, colpisce da fuori per la sua maestosità e le tonalità di colore usato per abbellirla. Peccato per i parcheggi che la circondano, non si riesce a fotografarla nella sua interezza.

Il Koïfhus

Nella Place de l’Ancienne Douane sorge il Koïfhus, l’edificio pubblico più antico della città. Un tempo le attività commerciali di Colmar passavano per il Koïfhus, sviluppato su due piani. Al primo erano presenti il magazzino di conservazione delle merci e l’ufficio di tassazione, mentre al secondo avvenivano le riunioni della Décapole, la federazione delle dieci città più importanti d’Alsazia.

cosa vedere a colmar in 24 ore koifhus vecchia dogana

Di fronte alla costruzione, le tipiche bancarelle colorate pronte per i Mercatini di Pasqua. Me li sono persi per pochi giorni, visto che sono iniziati il 29! Ogni anno, per circa due settimane, nella Place de l’Ancienne Douane e la Place des Dominicains si svolgono questi tradizionali mercatini. Un ulteriore motivo per visitare “la Venezia d’Alsazia”, a zonzo tra le bancarelle che propongono specialità locali, souvenirs, lavori artigianali, fiori e manufatti vari.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: VISITARE L’ALSAZIA: I BORGHI DI EGUISHEIM E RIQUEWIHR

 

Mangiare a Colmar

A Colmar, e in Alsazia in generale, ho mangiato benissimo. Ovviamente sono andato in posti tipici, alcuni consigliati da blogger e amici che ringrazio ancora per l’ottimo spunto.

E’ il caso della Winstub La Taverne, posizionata nel centro storico, all’interno di un’antica casa alsaziana. Un ristorante dall’atmosfera tranquilla e familiare, un ambiente molto caratteristico grazie alla presenza di grosse travi in legno che dividono gli spazi nel locale.

cosa vedere a colmar 24 ore winstub la taverne

cosa vedere a colmar 24 ore taverne mangiare winstub

Qui ho assaggiato la deliziosa Tarte Flambée, consistente in una specie di focaccia sottilissima ricoperta solitamente da pancetta, erbe aromatiche, cipolle e panna acida. Io invece ho scelto quella Munster, interamente a base di formaggio alsaziano.

cosa vedere a colmar in 24 ore tarte flambée

Riguardo al pranzo, mi sono fermato in un bar di cui non ricordo assolutamente il nome. Mi ricordo però di cosa mi sono nutrito, ovvero Quiche e Croque Monsieur.

La Quiche è una torta salata, il cui ripieno consiste in uova, pancetta e formaggio.

cosa vedere a colmar in 24 ore quiche

Il Croque Monsieur è un tramezzino grigliato, farcito con prosciutto e formaggio.

cosa vedere a colmar in 24 ore croque monsieur

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ma sai che anche il mio viaggio a Colmar è iniziato con una serie di imprevisti da “calendario” 😛 Per fortuna poi si è concluso tutto per il meglio. Si i ponti sono bassissimi ci siamo dovuti stendere praticamente sulla chiatta per non dare una colossale testata! Il cibo dei localini tipici lo ricordo con molto piacere 🙂
    Buona serata!

  2. Mi piacerebbe molto visitare l’Alsazia! peccato che hai trovato brutto tempo, perché immagino che con il sole tutte quelle case colorate siano uno spettacolo!

    • Sisi immagini bene! Le ho trovate a Strasburgo ed era uno spettacolo vederle soleggiate e riflesse nei canali 😊

  3. Ero convinta di aver già commentato! 🙂 Anyway, anche se ci sono stata poco, adoro l’Alsazia: quando facevo l’erasmus in Germania, ero proprio lì al confine e ho potuto visitare Comar e Strasburgo. Ed è stato amore a prima vista … che nostalgia mi hai fatto venire!