cosa vedere a strasburgo case colorate graticcio
Alsazia,  Europa,  Francia,  Strasburgo

Un giro a Strasburgo, capitale dell’Alsazia

Durante il mio recente weekend in Alsazia, ho scoperto con piacere la città di Strasburgo, il maggiore centro di questa lingua di terra situata nella Francia orientale. L’Alsazia è una regione bellissima che merita di certo più che una semplice visita come la mia. Una regione al confine con Svizzera e Germania, fortemente influenzata dai costumi e delle tradizioni di quest’ultima che si uniscono alle caratteristiche francesi, dando vita a un luogo unico. Fra le immense distese di vigneti, sorvegliate da imponenti castelli, sorgono pittoreschi villaggi di case a graticcio, affacciate sulla celebre Route des Vins, un itinerario di 120 km che parte da Marlenheim, a nord, fino ad arrivare a Thann, nel dipartimento dell’Alto Reno. In questo articolo mi soffermerò su cosa vedere a Strasburgo, la città principale e una delle più belle di Francia.

Purtroppo sono riuscito a dedicare poco tempo a Strasburgo, come del resto all’Alsazia in generale. Avrei potuto trascorrerci più ore, ma non ho voluto perdermi due paesini nei dintorni di Colmar e lo splendido castello di Haut-Koenigsburg. Per il giro mi sono affidato, con riscontro positivissimo, all’Ufficio del Turismo situato in Place de la Cathédral. La signora Géraldine è stata molto gentile nel mettermi a disposizione lo Strasbourg Pass, pieno di ingressi gratuiti o scontati a monumenti, chiese, musei ed esperienze.

cosa vedere a strasburgo pass strasbourg tourisme

Appartenuta nel corso della sua storia un pò alla Germania e un pò alla Francia, Strasburgo è oggi una città dalle due anime: quella moderna, grazie alle istituzioni politiche come il Parlamento Europeo e la Corte dei Diritti dell’Uomo, e quella antica, con lo splendido centro storico, la Grande Île, dichiarata Patrimonio Unesco nel 1988.

Ecco, ho impostato il mio soggiorno proprio sulla visita di questa parte di Strasburgo, comprendente i quartieri di Centre-Ville e Petite France. Comodissimo raggiungere il centro dall’hotel dove ho prenotato, l’Hotel Pax, posizionato in Rue de Faubourg National. Se siete in macchina, l’hotel dà la possibilità di posteggiarla in un parcheggio sotterraneo a pagamento (sui 10€ al giorno). Da qui basta attraversare il ponte per ritrovarsi sulla Grand Rue, la strada principale.

 

Cosa vedere a Strasburgo

Partiamo proprio dalla Grand Rue in direzione centro storico. Se arrivate la mattina, vi consiglio la colazione all’Atelier 116, un posticino molto carino che serve pain au chocolat deliziosi! All’interno c’è pure il wifi gratuito, oltre che una buona scelta di cibi, per i diversi momenti della giornata.

cosa vedere a strasburgo atelier 116 colazione

– La Cathedrale de Notre-Dame

Dopo la colazione la prima tappa che consiglio è la splendida Cathedrale de Notre-Dame. Situata nella Place de la Cathedrale, colpisce fin da subito per la sua maestosità e imponenza. I suoi lavori sono iniziati nel 1015 e sono durati fino al 1439; tuttavia la Cattedrale non è stata completata. Infatti è presente una sola torre, anzichè due. La guglia di questa torre regala alla Cattedrale un’altezza di ben 142 metri.

cosa vedere a strasburgo cathedrale notre dame

La parte esterna viene considerata il più grande libro a cielo aperto del Medioevo. Lo scrittore francese Victor Hugo l’ha definita “un prodigio gigantesco e delicato”. Sulla facciata sono raffigurati diversi episodi della vita di Gesù.

L’interno è piuttosto semplice, con belle vetrate colorate, l’Orologio Astronomico e il Pilastro degli Angeli.

cosa vedere a strasburgo cattedrale

Imperdibile la salita alla terrazza panoramica della Cattedrale. Dopo 332 gradini di scala a chiocciola, la vista su Strasburgo è semplicemente meravigliosa. Soprattutto al tramonto, quando gli ultimi raggi di sole creano un effetto particolare sui tetti della città.

cosa vedere a strasburgo panorama cattedrale città

cosa vedere a strasburgo cattedrale foto

Orari: tutti i giorni, 9.30-11.15 / 14.00-17.45

– Place de la Cathedrale

Nella piazza principale della Grande Île non c’è solo la sfarzosa Cattedrale. Si prende infatti una meritata foto anche la storica Maison Kammerzell, la più bella casa di Strasburgo. Inizialmente appartenuta al commerciante di formaggi Braun, è fatta di pietra per quanto riguarda la parte più bassa e di legno il lato superiore, tappezzato da scene sacre della Bibbia. Si chiama Kammerzell perchè fu quest’ultimo ad acquistarne la proprietà nel 1806. Oggi è un rinomato ristorante.

cosa vedere a strasburgo maison kammerzell
Maison Kammerzell

 

cosa vedere a strasburgo piazza cattedrale

cosa vedere a strasburgo place de la cathedrale

– Le piazze di Strasburgo

Ok, è un pò generico. Ma vi posso assicurare che sono rimasto super affascinato dalle bellissime piazzette della città, una meglio dell’altra. Angolini colorati, brulicanti di gente seduta ai tavolini dei bar e dei ristoranti, in mezzo alle solite case a graticcio. Sarò ripetitivo, ma a me verrebbe voglia di viverci lì dentro!

cosa vedere a strasburgo place du marché gayot
Place du Marché-Gayot

 

cosa vedere a strasburgo place du chateau
Place du Chateau

 

Quest’ultima piazza si trova accanto alla Cattedrale ed è molto frequentata per via del Palais des Rohan, comprendente 3 musei: il Museo Archeologico, il Museo delle Arti Decorative e il Museo di Belle Arti, uno dei più apprezzati in Europa.

Qui dietro potrete imbarcarvi sul battello che vi porterà alla scoperta della città lungo il fiume Ill.

cosa vedere a strasburgo tramonto grand ile

Orari: lun-sab 10-18. Chiuso il martedì.

Se siete amanti delle chiese, non perdetevi la Chiesa di San Tommaso (église de Saint-Thomas), un bell’esempio di architettura gotica alsaziana.

– La Petite France

Il quartiere più caratteristico e pittoresco della città. Qui un tempo vivevano pescatori, mugnai e conciatori, all’interno di antiche case del XVI secolo adagiate sui canali d’acqua. Nonostante pure la sera faccia un certo effetto, sono convinto sia molto più suggestivo venire qua al mattino, specie se è una bella giornata di sole. Gli scorci sono da cartolina, grazie anche al fatto che le casette si riflettono nell’acqua. La particolarità delle abitazioni è che possiedono ampi cortili interni e grandi tetti dagli spioventi aperti sui granai, dove un tempo venivano fatte asciugare le pelli.

Ci si arriva tranquillamente dalla Grand Rue, deviando a destra più o meno nei pressi dell’Atelier 116, il luogo che ho consigliato all’inizio del post per colazioneggiare.

 

cosa vedere a strasburgo petite france

cosa vedere a strasburgo case colorate graticcio

cosa vedere a strasburgo centro storico

Proseguendo lungo le stradine del quartiere, si giunge ai Ponts Couverts, ossia i ponti coperti, nonostante abbiano perso la copertura nel 1700. Sono dominati da quattro grosse torri che avevano compiti di difesa dagli attacchi nemici.

Immediatamente dietro ecco la Diga Vauban, detta anche “Grande Ecluse”, perchè in caso di necessità permetteva di inondare la parte sud di Strasburgo. Su di essa è stato costruito un belvedere panoramico, da dove si ha un’ottima visuale sulla Petite France.

cosa vedere a strasburgo diga barriage vauban
Diga Vauban

 

cosa vedere a strasburgo vista petite france vauban

Riguardo la cena, non ho avuto una grande esperienza alla Chaine D’Or. Tuttavia ho assaggiato la choucroute alsacienne, specialità tipica dell’Alsazia. Non è che mi ha fatto impazzire, eh! Invece, la tarte flambée, altro piatto locale, si è rivelata una squisitezza; ma l’ho mangiata a Colmar, dunque ne parlerò nell’articolo dedicato.

cosa vedere a strasburgo choucroute alsacienne

12 commenti

  • L'OrsaNelCarro Travel Blog

    Un bel ritratto di questa città di cui ho sempre sentito parlare in modi differenti: c’è la fazione a cui piace e l’altra che invece la boccia senza possibilità di appello. Devo dire che dalle foto non è affatto male anzi! C’è una bella offerta di scorci differenti: dalle piazze eleganti alle casette a graticcio (un grande classico dell’Alsazia) passando per la passeggiata fra i canali. Davvero bella! 😉 Aspetto gli altri articoli!
    Buona giornata 🙂

    • pietrolley

      Tu non l’hai vista? Pensavo l’avessi abbinata a Colmar! Nonostante Colmar sia stato per me il primo impatto con l’Alsazia, ho preferito Strasburgo di gran lunga! Sarà perchè probabilmente sarebbe meravigliosa anche senza le case a graticcio tipiche, senza gli elementi alsaziani 😊
      Buona serata 😘

  • Katja

    Ecco cosa non ho fatto io: salire sul campanile del Duomo. Il resto? Fatto tutto! 🙂
    Che nostalgia di Strasburgo dopo aver visto le tue bellisisme foto …

  • Diletta

    Quanto è bella Strasburgoooo! Mi ispira davvero tanto, spero prima o poi di riuscire a visitarla anche io. Sembra quasi finta da quanto è carina. Le foto sono davvero belle, complimenti Pietro!

    • pietrolley

      Grazie Diletta! Ma Strasburgo si presta benissimo alle foto. Pur essendo una grande città, la considero una bomboniera, concentrata e piena di bellezza!
      Ti auguro di andarci presto!

  • Falupe

    Passeggiare per il quartiere de La Petite France deve essere davvero piacevole; perdersi tra i vicoletti e i canali mi piacerebbe molto. Mi ricordo da questo punto di vista Annecy, visitata molti anni fa. Ottimo suggerimento.

    • pietrolley

      Non la conosco ma ne ho sentito parlare benissimo! Poi immagino non sia molto distante dall’Italia, giusto?
      Strasburgo colpisce al primissimo impatto e sì, passeggiare per il quartiere della Petite France è da fare assolutamente, col naso all’insù per via delle splendide case a graticcio affacciate sui canali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *