Italia,  La mia Liguria

Gita della domenica a Sestri Levante e la Baia del Silenzio

In epoca Romana era un isolotto a sè stante, fondato dai Tigulli e denominato Segeste, un importante sito per i commerci marittimi. Solo di recente è stato unito alla terraferma per mezzo di un istmo. Cittadina di 18.000 anime della riviera ligure di levante, si affaccia su due splendide insenature: la Baia delle Favole, chiamata così durante il soggiorno dello scrittore di favole Hans Christian Andersen, e la Baia del Silenzio, più piccola ma decisamente più suggestiva.

Sto parlando di Sestri Levante, la città dei due mari, uno dei tanti gioiellini della Liguria che ancora non avevo scoperto.

Una domenica calda e soleggiata, tra giri a vuoto nel caratteristico caruggio di Sestri Levante -via XXV Aprile- con le sue casette color pastello, street food rigorosamente a base di focaccia e camminate a contatto con la natura (2h a/r) verso il promontorio di Punta Manara, dove la vista spazia fino al Golfo di La Spezia.

Baia delle Favole

il caruggio
Baia del Silenzio

Sul sentiero verso Punta Manara
Panorama su Riva Trigoso, frazione di Sestri

 

22 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *